Borraccia in plastica

Borracce colorate in plastica

Non dimentichiamoci mai il principale motivo che ci deve spingere ad utilizzare (e ri-utilizzare) le borracce al posto delle bottigliette usa&getta di acqua minerale: stiamo ovviamente parlando dell’ecosostenibilità, a difesa della salute del pianeta e dei suoi abitanti, cioè noi!

Ecco perché, dunque, non perdo occasione di sottolinearvi l’importanza di borracce dai materiali inossidabili, riciclabili ed ecologici, come alluminio o, meglio ancora, l’acciaio inox. Tuttavia, quella in plastica è ancora oggi piuttosto diffusa, anche grazie al suo costo contenuto, alla capillare diffusione di vendita e alla leggerezza, a cui si aggiunge, com’è immaginabile, un utilizzo che potrei definire “disinvolto”. Piuttosto diffuse, sempre in plastica, anche le piccole borracce per bambini o, fra le altre, alcuni modelli personalizzabili, su cui è possibile applicare sticker colorati o decalcomanie spiritose.

La plastica è un anche materiale resistente, ed è proprio grazie a tutte queste caratteristiche che ha avuto un’enorme diffusione nel mondo. Ciò nonostante, stiamo comunque parlando di un materiale che, col tempo, tende ad alterare gusto e odore delle bevande, rovinandone le caratteristiche organolettiche, in modo particolare se si lascia il contenitore in balia di temperature limite, magari esposte al sole o, al contrario, a lungo nel freezer, considerando anche che la plastica non è per nulla termo isolante.

A livello normativo, la disposizione 10/2011 della Commissione Europea ne regolarizza controlli e vincoli in manieramolto rigida, soprattutto per la verifica dell’eventualerilascio di particelle nei liquidi. Vi consiglio, in caso di un vostro acquisto di una borraccia di plastica, di accertarvi che il materiale sia il PET, lo stesso con cui sono realizzate le bottigliette commercializzate per l’acqua minerale, uno dei più utilizzati, insieme al polietilene e al tritan.

Vi sottolineo comunque l’attenzione ad una pulizia meticolosa e quotidiana del prodotto, poiché non è possibile prevederne il deterioramento causato da una cattiva manutenzione, con conseguente accentuazione della possibilità di intossicazione del materiale plastico dovuta alla migrazione di muffe e batteri.

Pro e contro delle borracce in plastica

Pro

  • Costo economico
  • Capillarità di commercializzazione
  • Leggerezza e praticità di utilizzo
  • Resistenza

Contro

  • Possibilità di alterazione caratteristiche organolettiche delle bevande
  • Assenza di isolamento termico
  • Facile preda del proliferare di muffe e batteri
  • Inquinante per dispersione ed accumulo

Ricordiamoci dunque che la plastica non rientra nei materiali ecologici e, pertanto, per una scelta più rispettosa del pianeta, e della nostra salute, consiglio, ancora una volta, borracce più sostenibili, come l’alluminio, il vetro o, come massima scelta, l’acciaio.